Vacanza in America, qualche suggerimento

Vacanza in America, qualche suggerimento

Il fascino dell’America non ha prezzo. Si dice sempre così in uno stato che rappresenta storia, arte, natura, insomma una vacanza in America è il sogno forse di tutti.

Ci sono ovviamente delle cose da tenere in considerazione, innanzitutto avere un passaporto, il certificato vaccinale, la certezza che la vostra carta di credito funzioni (o essere pronti al cambio dollaro/euro) ecc ecc. Se siete alla prima volta insomma non è semplice come viaggiare in Europa.

In questa guida intendiamo perciò mettere qualche piccola cautela nella corsa sfrenata verso il sogno americano. Ecco alcune delle prime cose che vi sarà necessario sapere:

– Prima volta in America: non trattare gli US come un semplice, grande stato

Molti rimangono sul pensiero che un americano è ciò che dimostra di essere: proviene ovviamente dall’America! D’accordo, ma da che stato? Texas? Kentucky? Florida? Ecco un buon esempio: la nostra Europa è formata da diversi stati come la Francia, Spagna, Germania…come vi sarà logico pensare, sono tutti diversi! Hanno tutti una storia, abitudini e cibi tipici.

Ebbene la stessa faccenda riguarda anche l’America, sebbene tutti parlano la stessa lingua non tutti lo fanno allo stesso modo (i dialetti sono davvero numerosi) e le usanze possono essere attualmente molto differenti fra di loro. Mai trattare un Americano come un “semplice” cittadino statunitense.

– Viaggiare può essere molto costoso se non si è pronti

Nonostante stiamo vivendo nei tempi più moderni del momento, ti parrà strano sentire che viaggiare fra più stati in America è attualmente più complicato del dovuto. I costi sono elevati, specialmente se si parla di viaggiare a bordo d’un treno (per il quale non c’è nemmeno così tanta copertura nazionale). Se intendete visitare gli USA in lungo ed in largo senza spendere troppo, vi converrà saltare a bordo d’un bus e supportare uno stressante viaggio. Altrimenti, potete sempre noleggiare una macchina. A volte questi viaggi richiedono più giorni, per il quale sarà anche necessario pianificare una sosta in un Motel.
Consultate sempre tutte le guide necessarie a comprendere i posti più affidabili e di buona qualità.

– Vi saranno delle specialità, ma il cibo per buona parte non è il punto forte

L’America sostiene diversi record. Non tutti volgono verso il positivo: si parla di obesità, del numero di fast food presenti per intensità di chilometri…insomma, vi sono delle abitudini alimentari evidenti che vi faranno capire come molti piatti siano grassi, pesanti e nella maggior parte anche troppo costosi.

Ovviamente eccezion fatta proprio per i fast food, come il Subway o la McDonalds. Ma se avete in mente di mangiare qualcosa di diverso, è meglio informarsi: considerando che in molti luoghi si mangia pesante (Un piatto da gourmet a buon esempio: gamberi e cheddar, un formaggio già di per sé grassoso) dovrai
preparare sia stomaco che portafoglio.

– Prima volta in America: mai dimenticare le cortesie, evitando dibattiti inutili

Ecco qualcos’altro che sarà necessario imparare durante tutti questi lunghi viaggi: in alcuni stati, si è molto più aperti, ma in altri si tende ad essere più colloquiali. Ecco un buon aiuto: rivolgetevi sempre con il “Sir” e il “Ma’am” quando vi rivolgete ad un uomo o ad una donna, eventualmente vi verrà detto “Just call me…” e vi sarete introdotti alla perfezione.

Inoltre, cercate di evitare il discorso politico. Più e più volte nella storia americana è stato confermato come questi dibattiti tendono ad essere molto accesi. Almeno con persone che ancora non conoscete, è meglio evitare di toccare diritti, doveri e leggi di vario genere. Ovviamente una volta che vi sarete messi
“comodi” con una persona, vi sarà più libertà di parlare di simili argomenti.

– Differenti attività commerciali, diverse basi di prezzo

Infine, ecco un consiglio che vi eviterà tanti grattacapi: quando vedete un prezzo su un qualsiasi servizio, oggetto e simili, è bene controllare se vi sono incluse le tasse (Incl. Tax). Queste vengono spesso incluse alla fine dell’acquisto, perciò un oggetto che costa ad esempio 10 dollari può costarvi 15 una volta arrivati alla cassa. La percentuale di tassa cambia di stato in stato, di servizio in servizio. E’ un po’ come la nostra IVA, ma molto variabile.

Per concludere, i negozi: in America ci sono parecchie similarità con le nostre abitudini commerciali, magari anche perché abbiamo assimilato alcune normalità estere. Ma è ancora possibile trovare alcuni luoghi come i Drug Stores, che sono negozi che offrono medicinali, articoli da supermercato e sigarette.
Sì: tutto insieme! Per questo ci sarà sempre qualche stranezza da visitare in giro.

Loris P

Viaggiatore incallito, amante della buona cucina e appassionato di informatica e fotografia. Tutto parte dalla mia amata terra, la Basilicata!

2 pensieri su “Vacanza in America, qualche suggerimento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *